in

Come fare una corretta pulizia dei denti

corretta pulizia dei denti

Provvedere a una corretta pulizia dei denti è indispensabile per contrastare o comunque rallentare la formazione della placca. Non sempre, però, si ha la possibilità di lavarsi i denti con lo spazzolino e il dentifricio, magari perché ci si trova fuori casa: in tale eventualità si può rimediare con i chewing-gum, a condizione che contengano calcio e fluoro, ma soprattutto che siano privi di zucchero. Le gomme da masticare hanno un duplice ruolo: in primis contribuiscono alla pulizia meccanica dei denti in superficie; inoltre favoriscono la produzione di saliva. Non tutti sanno che la saliva svolge una funzione importante per la salute del cavo orale, in quanto lo deterge ma, soprattutto, equilibra l’acidità di diversi cibi che si potrebbero rivelare dannosi per lo smalto.

Il collutorio e il filo interdentale

Scegliere il migliore tra gli spazzolini elettrici a disposizione sul mercato non è sufficiente per curare la bocca e i denti: è bene imparare a introdurre nella propria quotidianità anche il collutorio e il filo interdentale. Il primo è indicato specialmente per chi soffre di alito cattivo o ha le gengive infiammate; il secondo deve essere usato da tutti e tutti i giorni, in quanto permette di raggiungere quegli spazi tra i denti in cui uno spazzolino non è in grado di arrivare.

Come si usa lo spazzolino

Non importa che si usi uno spazzolino elettrico o uno manuale: entrambi vanno bene a condizione che vengano usati nella maniera giusta. In particolare, con lo spazzolino manuale devono essere effettuati dei movimenti a rullo in verticale, a partire dalla gengiva in direzione del dente. In alternativa si possono effettuare dei movimenti rotatori, più o meno come se si disegnassero dei cerchi con le setole sui denti. Per quanto riguarda lo spazzolino elettrico, le setole della testina devono essere appoggiate su tutti i denti. Tutte le superfici della corona vanno deterse con attenzione e pazienza.

Ogni quanto bisogna lavarsi i denti

Bisognerebbe lavarsi i denti al termine di ogni pasto. Se si ha l’abitudine di mangiucchiare spesso nel corso della giornata, i denti dovrebbero essere spazzolati almeno dopo colazione, dopo pranzo e dopo cena. Il filo interdentale, invece, dovrebbe essere adoperato una volta al giorno, meglio se di sera. Esso è indispensabile per pulire gli spazi interdentali in profondità, dal momento che lo spazzolino non basta da solo per le arcate dentarie nella loro interezza. Uno spazzolino a setole morbide è necessario nel caso in cui si sia alle prese con denti sensibili: si può trovare in commercio senza problemi. Lo stesso dicasi per i dentifrici sensibilizzanti, a loro volta reperibili sul mercato.

Il filo interdentale

Il tradizionale esempio di filo interdentale è quello montato su rocchetto, ma non è questo il solo tipo che si può utilizzare. Una valida alternativa è rappresentata dagli archetti tendifilo, che rispetto al filo normale si rivelano più pratici. Nel momento in cui il filo viene fatto passare nello spazio tra i denti, è bene essere delicati e non comprimere la gengiva in modo troppo forte.

Il collutorio

Infine, vale la pena di mettere in evidenza l’importanza del collutorio, specialmente in caso di alitosi o di gengivite. Si tratta di una integrazione all’igiene orale il cui utilizzo può variare a seconda del problema con cui si ha a che fare. Per questo motivo è meglio evitare il fai da te e chiedere, invece, un consiglio al proprio igienista dentale o al proprio dentista, per sapere non solo quale tipo di collutorio è più appropriato, ma anche ogni quanto lo si deve usare.

Scritto in collaborazione con Philips

Giuseppe Barbagallo

Scritto da Giuseppe Barbagallo

SEO Specialist e Web Designer, esperto in tecniche di Link Building e Digital Advertising. Da sempre appassionato di informatica, programmazione e tecnologia. Founder della Web Agency Good Working specializzata soprattutto (ma non solo) nel settore Fitness e Sport.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
Allenamento con il kettlebell

Allenamento con il kettlebell: gli esercizi fondamentali

fare fitness a casa

Allenamento a casa: la ricerca su Google è aumentata in media del 550% in Europa