Come prevenire gli infortuni muscolari

Come prevenire gli infortuni muscolari

Se siete amanti dello sport avrete almeno una volta nella vita sofferto a causa di uno stiramento muscolare, che si presenta con una evidente sintomatologia dolorosa.

Gli infortuni muscolari comprendono la contrattura, che rappresenta una contrazione anomala e involontaria del muscolo, che non presenta rotture, ma che lascia parecchio sofferenti e con una difficoltà marcata nell’eseguire il movimento di estensione; lo stiramento muscolare, che si presenta simile ma si associa ad una rottura di alcune fibre muscolari; lo strappo muscolare, determinato da una degenerazione degli eventi precedenti.

Come prevenire infortuni muscolari?

Svolgendo alcuni esercizi: riscaldamento e stretching consistono in una serie di movimenti leggeri e ripetuti, che producono allungamento muscolare sia prima che dopo la fase di sforzo. Esercizi ad esempio che si concentrano su gambe e schiena, che consistono nel toccarsi le punte dei piedi con le mani, stando a gambe tese; oppure nel portare un tallone a contatto con i glutei esercitando una leggera tensione; o ancora esercizi in posizione semi raccolta, con una gamba distesa e sottoposta a tensione e l’altra piegata sul ginocchio.

Tuttavia, si tratta di strategie abbastanza note (che però non significa sufficientemente seguite!), mentre sono pochi quelli che sanno che è possibile evitare incidenti a danno dei muscoli pure con l’alimentazione.

Come prevenire infortuni muscolari grazie a ciò che si mangia

La prima regola della prevenzione di incidenti a danno dei muscoli è la corretta idratazione (l’aggiunta di un limone fresco spremuto nell’acqua sarà un espediente importantissimo), a fronte del fatto che un tessuto disidratato è più suscettibile a colpi e lesioni.
La seconda è di mantenere il collagene (la proteina principale del tessuto connettivo) sano con l’apporto di vitamina C, contenuta in agrumi, verdure a foglia verde scuro, broccoli (crucifere in generale), peperoni, fragole, kiwi, prezzemolo (possibilmente organici!).

Via libera ai cibi che fan bene alle ossa, cioè a quelli ricchi di calcio, magnesio e vitamina D.
Una precisazione a proposito del primo: “abboffarsi” di latte e formaggio non è la scelta più consigliabile, anche alla luce del fatto che ne sono ricchi pure le verdure a foglia verde, frutta a guscio e semi, pesci di acqua fredda (tonno, salmone, sgombro, sardine, merluzzo) e cereali integrali (e dopo aver consumato questi alimenti sdraiatevi un po’ al sole!).

Gli infortuni ai muscoli si prevengono anche con i grassi sani, che garantiscono alle articolazioni, ai tessuti e al sistema immunitario uno “scudo protettivo”: ci si riferisce agli omega-3 e agli omega-6, contenuti in aringhe, salmoni e sgombri, semi, frutta secca e mandorle.
E infine lo zinco, importante per la guarigione dei tessuti: lo si trova nella carne rossa, le lenticchie, il tacchino e il riso integrale.
È chiaro dunque che due sono le componenti essenziali per prevenire infortuni muscolari: uno è il buon senso di non lanciarsi in attività sportive che sono al di sopra delle proprie forze, e per di più “a freddo”, senza avere adeguatamente preparato il corpo allo sforzo che sta per compiere; il secondo è mangiare bene (sia qualitativamente che quantitativamente) per ridurre drasticamente gli stop!