in

Fisico marmoreo: come scolpirlo con l’aiuto di un personal trainer

Ne è passato di tempo da quando, a cavallo tra i 70 e gli 80, le star di Hollywood presero la fissazione per i fisici marmorei e tonici iniziando ad affidarsi a quelle nuove figure, che proprio allora si iniziava a scorgere affacciarsi al mercato. Erano poi i primi anni 90 e la mania del fitness scoppiava, manifestandosi sotto forma di palestre e centri che aprivano in ogni angolo del globo. Oggi infine, il nome di personal trainer risuona spessissimo; sono tanti gli sportivi e non che si affidano ad un trainer per personalizzare il loro allenamento, ottimizzare la forma fisica e raggiungere risultati metodicamente.

Ancora oggi,  pensare a quanto sia forte lo stereotipo che questo ruolo si porta dietro fa sorridere. Si tende a credere erroneamente che il personal trainer sia il clasico bell’imbusto tutto muscoli e fanatismo, poco sveglio, brillante solo quando si tratta di adulare clienti di sesso femminile.

È chiaro che un’ossessione al salutismo e un centinaio di kg di muscoli non siano sufficienti per fare un personal trainer: parliamo di un professionista altemente formato, esperto di nutrizione e salute ma anche del corpo umano e del suo funzionamento in generale. Ha inoltre doti di insegnamento, è capace di motivare il cliente orientandolo verso l’obiettivo e il superamento degli ostacoli che vi si frappongono.

Il personal trainer lavora singolarmente con ogni cliente, in modo da dedicargli il massimo dell’attenzione e della cura. Stila un programma personalizzato basandosi sulle richieste, plasmandolo anche in considerazione del carattere della persona che assiste. Restando nel possibile, fissa gli obiettivi e li correda con consigli alimentari, suggerimenti e messaggi per stimolare la persona e tenerla concentrata e con una motivazione alta.

Il contesto, lo stile di vita del cliente vengono sempre tenuti d’occhio, a ragione del fatto che il personal trainer deve assicurarsi che il soggetto raggiunga la forma fisica voluta ma in una condizione di benessere psichico e fisico.

Quando si incontra per la prima volta un personal trainer si parte con una precisa anamnesi. Un’analisi dello stato iniziale della persona. Un’analisi completa racchiuderà informazioni necessarie affinchè il trainer possa gia intravedere il percorso che il cliente dovrà seguire in forza al raggiungimento del risultato.

Quindi, fissate le tappe, compresi dei mini traguardi essenziali lungo il cammino, il vero e proprio piano d’azione entra in atto, comprensivo di controlli dello stato di avanzamento periodici e eventuali revisioni del piano in linea temporale.

Il personal trainer si assicura che gli allenamenti non vengano effettuati in maniera errata, da consigli su come incrementare le prestazioni. Inoltre come gia ribadito, consiglia la giusta alimentazione da abbinare per raggiungere i risultai al meglio.

Esercizi per la respirazione

Esercizi per la respirazione, perché farli

defaticamento muscolare

3 migliori esercizi di defaticamento muscolare