in

Come si usano e si gustano le uova di struzzo

Come si usano e si gustano le uova di struzzo

Dove si comprano le uova di struzzo? È questa la prima domanda che ci si deve porre quando si ha in mente di gustare questo tipo di prodotto. Ebbene, il suggerimento è quello di fare affidamento unicamente su allevamenti trasparenti e seri, così da essere certi di trovare prodotti di qualità. A seconda dell’allevamento a cui ci si rivolge, il prezzo può variare, fermo restando che non tutti gli allevamenti assicurano gli stessi standard di eccellenza. In genere, comunque, il prezzo medio di un uovo è di 25 euro.

Un alimento altamente proteico

L’indice proteico delle uova di struzzo è molto elevato, tale da far ritenere questo alimento consigliato sia per chi fa sport che per le persone che desiderano ridurre l’introito di calorie. Il contenuto di lipidi è molto modesto, così come quello di colesterolo: ecco perché chi ha problemi cardiovascolari non deve temere di consumare le uova di struzzo. Il peso di un uovo può arrivare fino a 1 chilo e mezzo, più o meno come 25 uova di gallina. In commercio, comunque, si trovano uova di formato piccolo, di formato medio o di formato grande, per andare incontro a qualsiasi tipo di richiesta.

Come si aprono le uova di struzzo

Le uova di Struzzo sono molto resistenti, in quanto sono caratterizzate da un guscio piuttosto spesso: per questo motivo non ci si deve stupire se la procedura raccomandata per aprire un uovo di struzzo è addirittura quella che prevede di adoperare un trapano, in modo da realizzare un foro da cui poi il contenuto potrà essere fatto fuoriuscire. È preferibile non rompere il guscio, in quanto lo si può riciclare e sfruttare a scopo decorativo, o comunque per dare vita a oggetti d’arte o a decoupage.

Le uova di struzzo in cucina

Le uova di struzzo in ambito culinario si prestano a una grande varietà di preparazioni: chi ama stare dietro ai fornelli non ha che l’imbarazzo della scelta e può sbizzarrirsi con ricette di ogni genere. D’altro canto, si sta parlando pur sempre di uova: questo vuol dire che quelle di struzzo possono essere usate per le stesse pietanze per le quali di solito si scelgono le uova di gallina, ovviamente con quantità e dosi differenti. Ecco, allora, che si può pensare di preparare la pasta fresca fatta in casa, ma anche i dolci e le frittate. Un uovo di struzzo sodo ha bisogno di almeno 90 minuti di cottura, mentre una frittata preparata con un uovo solo consente di realizzare non meno di una decina di porzioni.

Perché mangiare le uova di struzzo

Oltre che gustose, le uova di struzzo sono sane e con caratteristiche nutrizionali molto interessanti: basti citare, a titolo di esempio, il contenuto elevato di acidi grassi saturi, ma anche la presenza di vitamina B2, di beta carotene e di amminoacidi. Ma non è tutto, perché le uova di struzzo contengono anche il fosforo e il calcio, due minerali preziosi per il nostro organismo, e garantiscono un buon apporto di ferro.

La conservazione delle uova di struzzo

Le uova di struzzo hanno il pregio di riuscire a mantenersi fresche per un sacco di tempo. Al loro interno è presente il coenzima Q10, che si contraddistingue per il suo potere antiossidante molto elevato: è una sostanza utile per combattere i radicali liberi, da cui dipende l’invecchiamento delle cellule. Ovviamente nelle uova non ci sono tracce di glutine, e ciò vuol dire che i celiaci possono consumarle senza correre rischi. Il loro sapore è più forte di quello delle uova di gallina.

Giuseppe Barbagallo
Latest posts by Giuseppe Barbagallo (see all)

Scritto da Giuseppe Barbagallo

SEO Specialist e Web Designer, esperto in tecniche di Link Building e Digital Advertising. Da sempre appassionato di informatica, programmazione e tecnologia. Founder della Web Agency Good Working specializzata soprattutto (ma non solo) nel settore Fitness e Sport.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
Trail running

Trail running: la disciplina totalizzante

Pilates a casa

Pilates a casa: di cosa hai bisogno?