in

Esercizi di respirazione per l’ansia e lo stress

Vogliamo questa volta concentrarci su un aspetto del benessere psicofisico che sintetizza due precedenti fenomeni che abbiamo analizzato singolarmente, ovvero quello dei problemi legati alla respirazione e quello del contrasto allo stress, all’ansia e agli altri tipi di tensione. In questo articolo vedremo quindi quali sono i migliori esercizi di respirazione capaci di intervenire positivamente sullo stress e sull’ansia.

I vantaggi della respirazione contro ansia e stress

Partiamo da un dato: sapere come controllare l’ansia è già di per sé un vantaggio perché ci permette di non essere schiavi di quelle tensioni che regolarmente ci colpiscono. Esistono diverse tecniche di respirazione per l’ansia che hanno il vantaggio di essere semplici, con effetto immediato e che si possono svolgere in qualsiasi occasione e circostanza, anche ad esempio sul posto di lavoro, mentre si è in viaggio o appena tornati a casa chiudendosi in una stanza.

Come calmare l’ansia: la respirazione

Non è sempre immediato percepire il legame che c’è tra l’ansia, lo stress e la respirazione; eppure a chi soffre di questi disturbi capita spesso di percepire un fastidioso dolore al petto a causa dell’ansia e di avere il respiro affannato o difficoltoso. Viviamo di respiri, non potremmo vivere senza ed è normale quindi che se uno stato di tensione genera un respiro con una maggiore frequenza viceversa si può intervenire sulla qualità della respirazione per placare, ridurre o addirittura eliminare lo stato d’ansia. Un esempio molto chiaro del legame tra affanno e respirazione lo percepiamo nella differenza tra la respirazione con il naso e quella con la bocca. Nel primo caso si tratta del modo di respirare abituale, mentre si respira con la bocca quando si è più tesi, agitati o in pericolo. Vediamo quindi come poterla controllare e gestire con alcuni facili esercizi.

La respirazione semplice

Un primo modo immediato è quello di fermarsi e respirare con il naso alternando l’inspirazione e la respirazione ogni 4 secondi. Bisogna quindi ispirare, trattenere il fiato per quattro secondi, quindi espirare contando nuovamente fino a quattro.

Respirazione a narici alternate

Un buon esercizio per recuperale la calma, la concentrazione e l’energia persa a causa dello stress è quello cosiddetto della respirazione a narici alternate. Bisogna mettersi in una posizione comoda, premere con un dito su una narice, inspirare in maniera molto profonda, quindi coprire l’altra narice ed espirare con quella chiusa all’inizio e ora nuovamente libera. Ripetere l’esercizio per alcuni minuti alternando le narici da cui respirare.

L’ascolto del proprio corpo e l’uso dell’immaginazione

Una tecnica che coinvolge diversi esercizi di respirazione è quella che prevede l’utilizzo dell’immaginazione e del silenzio (interiore ed esteriore). Per quel che riguarda l’immaginazione è molto utile potersi rilassare e tranquillizzare pensando a uno scenario o a una situazione piacevole che ci infonda benessere e possa far superare lo stato di tensione. Parallelamente si muove anche la tecnica di ascolto del proprio corpo e del proprio respiro. Quando si è agitati o ansiosi è molto utile riuscire a ritagliarsi qualche minuto di tempo e un piccolo spazio dove poter stare da soli e possibilmente in silenzio. A questo punto è fondamentale prestare attenzione e ascoltare le emozioni e le sensazioni che invadono il nostro corpo. Questo aiuta moltissimo a isolarsi dall’esterno e anche da tutte quelle che sono le ragioni e le fonti di stress e tensione. In molti casi è sufficiente concentrarsi per alcuni minuti; se si ha la possibilità si può proseguire per più tempo, avendo sempre come obiettivo la stabilizzazione del respiro che è lo strumento principale per contrastare l’ansia e lo stress.

Abbronzatura perfetta

Abbronzatura perfetta: ecco i nostri consigli

sesso e sport

Sesso e sport, tra mito e realtà