in

Guida all’acquisto della borsa da palestra

Guida acquisto della borsa da palestra

Da diverse settimane è ormai possibile ritornare ad allenarsi in palestra. La chiusura dei centri sportivi sembra essere un lontano ricordo e tutti gli atleti possono tornare a varcare la soglia della propria palestra. È quindi l’occasione giusta per valutare di cambiare o acquistare una borsa da palestra all’altezza. In questi mesi ci si è arrangiati in qualche modo, ma con il ritorno alla normalità è bene dotarsi di un borsone comodo e adatto a trasportare tutto ciò di cui abbiamo bisogno.

L’importanza del borsone da palestra

La scelta della borsa da palestra non deve essere trascurata o sottovalutata. Questo non è un mero contenitore, ma un accessorio indispensabile per vivere correttamente la propria attività atletica, ma anche il ritorno a casa. Una buona borsa da palestra, infatti, deve prevedere almeno di poter tenere separati i panni sporchi da quelli puliti ed evitare che quelli sudati utilizzati durante l’allenamento possano sporcare anche gli altri articoli presenti. È quindi indispensabile valutare ciò di cui si ha bisogno, anche in base al tipo di allenamento che si svolge.

La scelta della borsa da palestra deve rispondere a tutte le esigenze, non solo quelle specificatamente atletiche. Bisogna infatti considerare anche il tragitto tra casa (o il luogo di lavoro) e il centro sportivo, come ci si sposta (se a piedi, con i mezzi pubblico o un mezzo privato) e se al termine dell’allenamento si torna a casa o si va a lavoro o ci si incontra con gli amici. Tutti questi elementi incidono sul tipo di borsone; scopriamo quindi quali sono gli aspetti da valutare prima di procedere con l’acquisto

5 elementi chiave per scegliere la miglior borsa da palestra

Prima di scegliere in base al costo o il marchio della borsa da palestra è doveroso porsi alcune domande, valutando questi principali elementi:

  • tipologia
  • materiali
  • dimensione e capienza
  • tasche e sezioni
  • impugnatura

#1 La tipologia

Quando si parla di borsa da palestra si fa quasi sempre riferimento del modello da portare a tracolla e che si estende più in lunghezza e larghezza che in altezza. In realtà ci si può orientare anche verso uno zaino, più leggero e meno ingombrante da trasportare ma anche meno capiente. Tutto dipende, ovviamente, da ciò che si deve trasportare e, come detto, dalle esigenze cui si deve rispondere. È però doveroso e importante tenere conto di questa opzione per fare una scelta corretta e adeguata.

#2 I materiali

I migliori borsoni da palestra devono innanzitutto avere materiali resistenti ma allo stesso tempo comodi. Specialmente per chi va in palestra più volte a settimana, utilizzerà spesso la borsa e questa deve essere capace di resistere alle diverse sollecitazioni e garantire sempre la massima efficienza. In questo senso non va valutato solo il materiale dello zaino, ma anche quello dell’impugnatura e la tipologia di cerniere e ganci che compongono le tasche e i vari scompartimenti.

#3 Le dimensioni e la capienza

L’altro aspetto fondamentale è quello legato alle dimensioni e alla capienza. Questi due elementi non sono sinonimi, ma fanno riferimento a due differenti caratteristiche. Per dimensioni è da intendersi quanto il borsone occupa esternamente, quanto è elastico e quanto è maneggevole. Questo elemento è molto importante e va valutato sia in funzione delle dimensioni dell’armadietto della palestra che del mezzo di trasporto con il quale ci si muove. Possono sembrare aspetti marginali, ma in realtà sono essenziali per consentire di fare una scelta adeguata. La capienza, invece, è la capacità di contenimento del borsone. Viene solitamente espressa in litri ed è importante non superare mai questo valore, soprattutto perché si potrebbero creare problemi sulla tenuta e l’integrità del borsone.

#4 Numero e tipologie di tasche e sezioni

Una buona borsa da palestra non può prescindere dal numero e dalla tipologia degli scomparti. Come abbiamo già anticipato è necessario, almeno, prevedere spazi diversi e ben separati tra i capi d’abbigliamento puliti e quelli sporchi, ma anche per le scarpe, gli effetti personali (smartphone, portafoglio e chiavi) e i prodotti per l’igiene intima. Per questo esistono anche modelli di borsone da palestra con portascarpe e quelli con tasche esterne nelle quali inserire, per esempio, il bagnoschiuma o lo shampoo per evitare che, dovessero aprirsi, vadano a macchiare o rovinare il resto degli accessori presenti nel borsone.

#5 L’impugnatura

L’ultimo elemento da tenere in considerazione è quello relativo all’impugnatura. Nei borsoni, come abbiamo visto all’inizio, questa è generalmente la cinta che si porta sulla spalla, ma può prevedere anche delle maniglie per portarla in mano e non sulla spalla. Alcuni modelli prevedono entrambe le opzioni, consentendo di avere sempre la soluzione migliore per ogni singola esigenza. La valutazione, anche in questo caso, deve tenere conto del modo in cui si preferisce portare il borsone ma anche del peso complessivo della borsa da palestra.

C’è poi, anche se non è tra quelli tecnici e più importanti, l’aspetto estetico. In commercio esistono tantissimi modelli sia dal punto di vista della forma che delle linee e dei colori ed è sempre possibile trovare quello più adatto alla propria personalità e al proprio outfit.

Daniele Di Geronimo

Scritto da Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ritornare in palestra

Ritornare in palestra: cosa fare e cosa evitare

Come gestire meglio il proprio tempo

Come gestire meglio il proprio tempo