Come funziona la piramide dell’attività fisica

piramide dell'attività fisica

Quando abbiamo parlato della piramide alimentare, forse più nota della piramide dell’attività fisica, l’abbiamo definita come una “rappresentazione grafica per indicare la diversa distribuzione, in ordine di importanza dal punto di vista del consumo di ogni persona, dei cibi e degli alimenti”. Se applichiamo il concetto all’attività fisica e alla salute, sostituendo i cibi e gli alimenti con le attività fisiche da svolgere nel corso di ogni giornata, per un determinato periodo di tempo, otteniamo la piramide dell’attività fisica. Scopriamo di cosa si tratta.

L’importanza della piramide dell’attività fisica

La definizione di attività fisica secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) è quella di: “qualunque sforzo esercitato dal sistema muscolo-scheletrico che si traduce in un consumo di energia superiore a quello in condizioni di riposo”. Abbiamo diffusamente parlato dei tanti benefici dello sport sull’organismo, sul benessere psicofisico e sullo stile di vita di ciascuno. Ciò che è importante acquisire è la consapevolezza del fenomeno della sedentarietà.

L’epoca contemporanea, con tutti i suoi progressi tecnici e tecnologici, ha portato anche ad una sorta di pigrizia, per cui ogni sforzo fisico, anche il minore, è da evitare e far svolgere ad una macchina. Sia che si tratti di spostamenti, anche brevi, è impensabile effettuarli senza lo scooter o l’automobile; così come per qualsiasi altra attività c’è uno strumento elettrico o digitale che possa fare al caso nostro.

Questo fenomeno rende la piramide dell’attività fisica ancora più urgente in quanto rende chiara l’importanza dell’esercizio fisico da svolgere quotidianamente.

Le attività fisiche da svolgere

Si parte quindi dalla base della piramide dell’attività fisica con quelle da fare quotidianamente e il più possibile: ovvero muoversi e camminare. Per farlo si consigliano passeggiate su percorsi lunghi, preferire le scale all’ascensore, parcheggiare l’automobile più lontano da casa e fare giardinaggio. Salendo di livello si consiglia, dalle 3 alle 5 volte alla settimana, di dedicarsi attivamente allo sport e all’esercizio fisico. Quindi almeno venti minuti di esercizi aerobici (camminate veloci, nuoto, bicicletta, eccetera) e circa 30 minuti di sport (calcio, ballo, basket, tennis, escursioni, eccetera). Dalle 2 alle 3 volte alla settimana, invece, esercizi muscolari come yoga, flessioni, stretching e sollevamento pesi. Infine le attività da fare il meno possibile sono quelle di stare seduti per più di trenta minuti consecutivi, utilizzare console, pc e TV e aumentare il livello di sedentarietà.

Uno stile di vita monotono e poco attivo, oltre che noioso, è pericoloso sia per la mente (che riceve pochi stimoli) che per diversi disturbi fisici, non ultimi il diabete e le malattie cardiovascolari.

La piramide del movimento nei bambini

Le più grandi vittime di questo clima sociale e culturale sono, ovviamente, i bambini. Costoro, anche e soprattutto per conseguenza delle scelte dei propri genitori, hanno solitamente una piramide dell’attività fisica inversa, dove alla base ci sono le attività da evitare (stare seduti, davanti al PC o alla TV, eccetera) e in alto quelle essenziali per la crescita e lo sviluppo (camminare, giocare, eccetera). È quindi fondamentale organizzare una piramide del movimento grazie alla quale i bambini almeno una volta alla settimana possano svolgere attività all’aperto, più frequentemente possano svolgere attività organizzate con altri coetanei, ancora più spesso giocare liberamente con loro e riuscire ogni giorno a farli muovere, sia fuori che dentro casa.

Consigli utili

Per coloro che già hanno uno stile di vita attivo possono perfezionare la propria piramide dell’attività fisica inserendo nuove attività o migliorando l’impegno e l’applicazione degli obiettivi prefissati. Per tutti gli atri è fondamentale la costanza nell’impegno preso e imparare a non cedere alle scuse e alle comodità che inevitabilmente si presenteranno davanti. Il risultato positivo è sicuramente alla portata di tutti con effetti positivi riscontrabili già dopo le prime settimane.

Daniele Di Geronimo

Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.
Daniele Di Geronimo

Latest posts by Daniele Di Geronimo (see all)