in

Come scegliere i guanti per il trekking

Guanti per il trekking

Ogni attività sportiva ha una serie di capi di abbigliamento e accessori che permettono di svolgere al meglio quel tipo di sport. Non solo a livello di comodità (potrebbe essere complicato giocare a rugby, a calcio o a pallacanestro in giacca, cravatta e con delle scarpe non idonee a calcare quel tipo di superfici). Per quel che riguarda il trekking il più delle volte si pensa esclusivamente alle calzature. Al massimo ai pantaloni, alle maglie e alle giacche per proteggersi dal freddo o dalle condizioni climatiche che ad alta quota possono creare, anche d’estate, qualche difficoltà. Vogliamo quindi approfondire il discorso sui guanti per il trekking, in quanto sono solitamente trascurati e, invece, sono importantissimi per diverse ragioni. Scopriamo quali.

Come sono fatti i guanti da trekking

I guanti non servono a riparare le mani esclusivamente dal freddo o dalla pioggia. Questo vale per qualsiasi tipo di disciplina sportiva, non solamente per le escursioni in montagna. Se per alcune attività è indispensabile avere le mani libere (per poter utilizzare al meglio gli strumenti propri dell’esercizio che si sta praticando), per il trekking questo discorso è leggermente diverso. I guanti nel trekking non devono solamente proteggerci dal freddo, ma hanno anche una funzione di protezione da urti e cadute. Inoltre migliorano l’aderenza in caso si debba impugnare qualcosa. Da questi elementi possiamo comprendere quali sono le caratteristiche che questo capo d’abbigliamento deve avere:

  • resistenza;
  • comodità;
  • traspirabilità;
  • aderenza;
  • impermeabilità.

I guanti da trekking sono detti anche guanti tecnici, in quanto realizzati con particolari materiali che resistono a strappi, graffi e urti (resistenza). Il trekking è una di quelle attività outdoor nelle quali il rischio di ferirsi le mani è molto alto. Un altro elemento da considerare è quello dell’imbottitura (comodità) che assicura un livello di comfort anche in condizioni climatiche avverse. Allo stesso tempo è importante che i guanti lascino respirare le mani (traspirabilità), in modo da gestire correttamente il sudore che si produce durante lo sforzo fisico. Analizzando da vicino un guanto specifico per il trekking o per qualsiasi altra attività outdoor si noterà facilmente come la parte del palmo (e a volte anche quella delle dita) sia ricoperta con un particolare rivestimento che permette di avere una maggiore presa (grip) sugli oggetti che si impugnano (aderenza). Infine non è da sottovalutare il discorso relativo alla resistenza all’acqua (impermeabilità). I liquidi devono uscire (il sudore), ma non entrare (pioggia, neve, ghiaccio, eccetera).

Da questo quadro generale possiamo passare ad analizzare quali sono i migliori guanti per il trekking tra i quali scegliere.

I migliori modelli

Guanti Black Diamond Crag

I Black Diamond Crag sono guanti da trekking di ottima fattura, anche perché realizzati da un’azienda che è un punto di riferimento per gli amanti delle attività all’aria aperta. Questo modello è realizzato con un particolare tessuto a rete, elastico e traspirante. La superficie del palmo e quella della punta delle dita sono realizzati con un rivestimento sintetico e la struttura dell’indice e del pollice è rinforzata per un’ulteriore livello di protezione. Da segnalare anche l’ottima chiusura del polso, realizzata in velcro, che prevede anche un pratico occhiello al quale agganciare o fissare vari accessori.

Guanti Columbia Inferno

I guanti Columbia Inferno, disponibili anche nella versione da donna, sono un modello sviluppato appositamente per le attività invernali ad alta quota. La caratteristica di questo modello è data dalla presenza di una membrana (la OutDry) che assicura un livello notevole per quel che riguarda l’impermeabilità e l’isolamento termico, garantendo risultati eccezionali. Indossando questo paio di guanti non si ha alcun problema ad utilizzare lo smartphone o qualsiasi altro dispositivo touch (come può essere anche lo smartwatch), in quanto il materiale con cui è realizzato è tale da permettere il controllo di questi dispositivi. Infine è da sottolineare come sia presente una pratica linguetta di sicurezza che facilita la rimozione dei guanti.

Guanti Salewa Ortles Gloves

Il modello di guanti Salewa garantisce un livello qualitativo veramente alto. Si tratta di un paio di guanti che assicura, grazie alla perfetta combinazione tra struttura e tipo di materiali impiegati, un ottimo isolamento termico e un’eccezionale traspirabilità. Allo stesso tempo con questi guanti le dita hanno una grande agilità. Inoltre è presente un particolare rinforzo per proteggere il palmo da urti di vario tipo. Anche l’indossabilità e il comfort sono di livello assoluto per uno dei modelli che si candida ad essere il migliore per chi pratica trekking, alpinismo e altre attività outdoor.

Avatar for Daniele Di Geronimo

Scritto da Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

personal trainer

Il personal trainer: chi è e cosa fa

Magnetoterapia

Che cos’è la magnetoterapia