in

Disturbi del sonno: prevenzione e cura

Disturbi del sonno

Dormire, insieme al mangiare, è una delle attività più importanti per condurre una vita sana. Nonostante questa priorità siamo spesso portati a sottovalutare tutti quei disturbi del sonno che si verificano quando si tenta di mettersi a dormire. Sia che si tratta del classico riposino dopo aver mangiato che del riposo pomeridiano o notturno, tutti abbiamo bisogno di dormire. Le ore di sonno possono variare da soggetto a soggetto, anche in relazione all’età, ma non si può resistere a lungo senza dormire. Per questo è importantissimo comprendere quali sono le cause dei disturbi del sonno e quali i rimedi per risolvere questo tipo di problemi.

Perché è importante la cura del sonno

Per dormire bene non basta mettersi a letto e chiudere gli occhi. Sono frequenti casi di mancanza di sonno, difficoltà di addormentarsi o di svegliarsi in continuazione interrompendo i cicli del sonno e non riuscire quindi a riposarsi. La cura dell’insonnia o di qualsiasi altra malattia del sonno è fondamentale perché il riposo, come detto, incide pesantemente su tantissimi aspetti. Non riuscire a dormire o farlo male può provocare:

  • nervosismo e tensione;
  • difficoltà di concentrazione;
  • stress;
  • problemi alla memoria;
  • stanchezza diffusa;
  • ansia;
  • mal di testa;
  • problemi gastrointestinali;
  • difficoltà nel mantenere relazioni sociali;
  • sonnolenza durante il giorno.

Come si può vedere i disturbi del sonno rischiano di creare serissime difficoltà al proprio benessere e allo svolgimento di qualsiasi attività quotidiana. È quindi doveroso comprendere le cause dei disturbi del sonno e quale terapia intraprendere per risolverli.

Le cause dell’insonnia

All’origine di casi di insonnia o di qualsiasi disturbo del sonno, possono esserci diversi fattori, sia oggettivi che soggettivi. Tra le cause soggettive vanno registrati i fenomeni di stress, forte eccitazione, depressione, ansia o cattivo umore, che spesso impediscono di prendere sonno e dormire correttamente. Tra le cause oggettive, oltre a problemi di natura fisica, si possono considerare le condizioni ambientali nelle quali si dorme (illuminazione, clima, qualità del letto, eccetera).

Per comprendere le cause dell’insonnia è bene anche distinguerle in base alla durata. Si parla infatti di insonnia occasionale nel caso di disturbi del sonno di breve durate (qualche giorno) e che sono legati a fenomeni passeggeri (eventi particolari, malattie, eccetera). L’insonnia transitoria, invece, è quella che dura per un periodo di più settimane. Infine, l’insonnia cronica è quella che dura nel tempo.

I disturbi del sonno possono coinvolgere anche i bambini ed è importante che i genitori li monitorino e non li sottovalutino, intervenendo tempestivamente quando necessario.

Come risolvere i disturbi del sonno

Per quel che riguarda l’insonnia occasionale o transitoria è possibile mettere in pratica degli accorgimenti che possono ridurre le condizioni che producono il disturbo del sonno. In questi casi è utile anche che i fenomeni passeggeri che hanno causato l’insonnia siano terminati. Per contrastare i disturbi del sonno è utile ridurre l’utilizzo di sostanze eccitanti quali alcool, caffeina e nicotina, seguire uno stile di vita regolare e mettersi a letto e svegliarsi sempre alla stessa ora. Inoltre aiuta molto lo svolgimento dell’attività fisica (preferibilmente poche ore prima di mettersi a dormire) e utilizzare la camera da letto esclusivamente per dormire, evitando di mettersi a letto anche per leggere, guardare la tv o addirittura mangiare.

Un consiglio spesso trascurato o ignorato riguarda il fenomeno del rigirarsi nel letto insistendo nel volersi addormentare o rimanere a dormire. Se ci si risveglia prima del suono della sveglia conviene alzarsi da letto ed evitare di aumentare il nervosismo nel tentativo di riprendere sonno.

Altri disturbi del sonno

Esistono anche altri fenomeni legati al sonno, che possono essere le apnee notturne, la narcolessia, russamento, il sonnambulismo, gli attacchi di paura durante il sonno, eccetera. Alcuni di questi disturbi (così come quelli legati al fare la pipì a letto) sono frequenti nei bambini e vanno valutati correttamente. In tutti i casi è doveroso rivolgersi a un medico con il quale verificare le cause di tali disturbi e intervenire in maniera oculata sia dal punto di vista psicologico che da quello fisico.

In tutti i casi vanno evitate autodiagnosi e terapie fai da te (specie se prevedono l’assunzione di farmaci). La salute del proprio riposo e del proprio benessere passa anche e soprattutto dalla serietà e competenza con la quale si trattano i disturbi del sonno.

Avatar for Daniele Di Geronimo

Scritto da Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Spartan Race Misano 2019

Spartan Race: appuntamento a Misano Adriatico il 21 settembre

Errori in tavola

Errori in tavola: i più diffusi da evitare