in

Dolori post allenamento: qualche indicazione

Dolori post allenamento

Chi pratica attività sportiva avrà sicuramente avuto modo di provare dolori post allenamento, lievi o intensi, ma sempre fastidiosi. Solitamente questi dolori si verificano ai muscoli dei glutei, delle braccia e delle gambe e non vanno mai sottovalutati, sia che si è dei principianti che dei professionisti.

Generalmente i dolori post allenamento, come quelli tipici della corsa, sono normali, la conseguenza di uno sforzo, ma se questi si protraggono anche nei giorni successivi o sono particolarmente intensi e invalidanti è bene prestarvi maggiore attenzione e capire come comportarsi.

Le cause dei dolori post allenamento

Una delle cause più frequenti dei dolori post allenamento è la mancanza del riscaldamento, quell’attività che permette al corpo di prepararsi a ricevere degli sforzi e a svolgere esercizi più o meno complessi. Sono sempre tanti gli errori da evitare nell’allenamento e tra i più comuni c’è proprio una certa superficialità nel comprendere le esigenze del nostro corpo e nel costringerlo a fare più di quanto possa sopportare.

Altre cause sono dovute ad un prolungato periodo di inattività, ad un cambio di esercizio che vada a coinvolgere muscoli precedentemente non sollecitati o un aumento dell’intensità e della durata dell’esercizio.

Rimedi e prevenzione

Per rimediare ai dolori post allenamento è importante capirne le cause. Se queste sono dovute alla normale risposta fisica allo sforzo è evidente come la soluzione non sia smettere di allenarsi; appena si riprenderà i dolori si ripresenteranno. Un consiglio utile, oltre al riscaldamento, è quello di prevedere adeguati tempi di recupero tra un esercizio e un altro, permettendo al fisico di migliorarsi rispettando le proprie esigenze e caratteristiche.

Un metodo di prevenzione molto efficace, e sempre valido, è quello di orientarsi verso una dieta ricca di frutta e verdura, prevedendo alimenti con proprietà antiossidanti (come i frutti di bosco), quelli con una buona resa energetica (come la caffeina) e abituarsi a bere molta acqua durante il giorno in quanto, tra i tanti benefici, ha anche quello di limitare i dolori post allenamento.

Cosa c’è da sapere

Molto spesso si pensa che i dolori post allenamento siano dovuti alla fatica e all’accumulo dell’acido lattico. In realtà questo viene metabolizzato nel fegato e nel sangue nel giro di circa due ore e i suoi valori rientrano nella normalità trascorso questo tempo dalla fine dell’allenamento. Inoltre i dolori post allenamento non si verificano per tutti gli atleti, anzi per coloro che sono in uno stato avanzato sono tendenzialmente minori, soprattutto se il programma di allenamento è graduale e svolto correttamente.

La gradualità è infatti uno degli aspetti più importanti da considerare. La sintomatologia dei dolori post allenamento è molto diversa da soggetto a soggetto e possono incidere diversi fattori che è opportuno valutare.

Il consiglio è quello di valutare l’entità di tali dolori; all’inizio possono essere normali ed è, come detto, la risposta del fisico ad una sollecitazione. L’assenza dei dolori non è sinonimo di assenza di una preparazione fisica adeguata: non si deve necessariamente provare dolore per migliorare la propria forma. Ogni organismo reagisce diversamente e, solo se i dolori sono intensi o hanno una durata superiore alle 48 ore, è opportuno rivolgersi ad un medico per capire se e quali implicazioni siano sorte.

Avatar for Daniele Di Geronimo

Scritto da Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

allenarsi di mattina

Allenarsi di mattina, è un vantaggio?

allenamento aerobico e anaerobico

Differenza allenamento aerobico e anaerobico