in

Frutta estiva e benessere: cosa c’è da sapere

A seconda della stagione si parla di frutta autunnale o di frutta estiva, specificando che esistono varietà di frutti per ogni periodo dell’anno e che è bene conoscere per nutrire il proprio organismo in maniera corretta, specialmente in una fase dell’anno come quella estiva dove ci sono diverse criticità. Il caldo, il consumo di liquidi, la difficoltà a mangiare cibi più pesanti e il bisogno continuo di idratazione, obbligano a fare un discorso importante e completo sulla frutta di stagione estiva.

Mangiare frutta è da sempre un monito che ci viene riproposto, ma poi all’atto pratico non si riesce mai bene a comprendere quale frutta mangiare, quando mangiarla e soprattutto quanta. Proviamo a dare le risposte a queste domande, focalizzando l’attenzione sulle proprietà delle principali varietà di frutta estiva e quali contribuiscono al nostro benessere.

Frutta estiva antiossidante

Uno dei principali vantaggi del consumo di frutta estiva è quello relativo alle proprietà antiossidanti di questi alimenti. La vitamina C, tra le altre cose, migliora la circolazione ed evita quella sensazione di gonfiore, spossatezza e fiacca, tipica della stagione estiva.

Frutta estiva per dimagrire

Mangiare frutta estiva è utile principalmente perché in questo modo si introducono nell’organismo quelle sostanze che durante i mesi caldi vengono maggiormente consumate. Tra le proprietà della frutta di stagione c’è, ovviamente, quella di bilanciare il consumo di sali minerali, tra cui il potassio, utilissimo per una corretta pressione del sangue.

Pensare di mangiare esclusivamente frutta estiva per dimagrire è però un errore molto grossolano, per quanto diffuso. Il problema è principalmente alla base, ovvero di un’incompleta cultura alimentare. Si ha il pregiudizio per cui la frutta faccia sempre bene mentre tutti gli altri cibi no. La realtà è ben diversa e non si può minimamente pensare che possa essere sufficiente mangiare solamente frutta per dimagrire.

Essendo un alimento in cui lo zucchero e l’acqua la fanno da padrone, le calorie frutta sono maggiori rispetto ad altri alimenti. Nonostante il piacere di mangiare un cibo fresco, nutriente e sfizioso è bene ricordare anche che per perdere peso non bisogna non mangiare, ma farlo bene. Una dieta solo a base di frutta non fornisce all’organismo tutte le sostanze di cui ha bisogno per lo svolgimento delle azioni quotidiane, ma solamente alcune. Un’alimentazione non equilibrata non è mai sana e deve essere sempre completa.

Un consumo maggiore di frutta durante l’estate è sicuramente possibile e doveroso, anche per l’effetto saziante caratteristico, ma non può sostituire altri tipi di cibi durante i pasti della giornata.

Frutta estiva in allattamento

Passiamo alla questione del quando mangiare frutta estiva. Nel caso dell’allattamento (un tema che suscita sempre un grande interesse) non ci sono frutti che vanno evitati in quanto, a differenza della gravidanza (le due fasi non vanno confuse) la frutta, anche quella estiva, si rivela come un alleato formidabile per la salute sia del bambino che della mamma. L’importante è che la frutta sia di stagione.

Per i bambini più grandi (così come per gli anziani), invece, quando ci si trova in spiaggia e sotto il sole si consiglia di fargli mangiare della frutta, in modo che l’idratazione sia sempre garantita.

Le proprietà della frutta estiva

Vediamo ora più nel dettaglio quali sono le proprietà nutrizionali e benefiche delle principali varietà di frutta estiva.

  • Albicocche – Sono ottime per l’apporto di fibre, calcio, potassio, fosforo e magnesio e il consumo è indicato durante l’esposizione ai raggi del sole;
  • Anguria – Il dolce estivo per eccellenza è rinfrescante, dissetante e ottimo per le proprietà antiossidanti e per il contrasto all’ipertensione;
  • Ciliegie – Sfiziose e utilissime per le proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche e ideali anche per i diabetici;
  • Fichi – Fondamentali all’interno di una dieta e ottimi per combattere la stanchezza, ma anche le infiammazioni respiratorie e urinarie;
  • Fragole – Questo frutto aiuta molto a migliorare l’umore e sono consigliate, per la presenza dell’acido folico, per le donne che sono in gravidanza;
  • Melone – Si tratta di un frutto non molto calorico e caratterizzato da sostanze come quelle delle vitamine A, B e C che contribuiscono alla salute dei denti, delle ossa e contrasta l’invecchiamento cutaneo;
  • More – Nonostante le piccole dimensioni sono ricche di vitamina B e C, nonché di acido folico e sono ottime per il miglioramento della circolazione e per l’effetto diuretico che danno;
  • Pesche – La presenza delle vitamine A, B, C, E e K rende questo frutto molto valido soprattutto per purificare la pelle e per l’assorbimento del ferro;
  • Prugne – Ottime per l’effetto lassativo e per donare una maggiore elasticità alla pelle, così come contrastare il colesterolo abbassando il livello di quello cattivo.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Defaticamento muscolare

Defaticamento muscolare: come e perché farlo

cibi crudi

Cibi crudi: quali fanno bene