in

Consigli per allenarsi a correre

Pensare di doversi allenare a correre può sembrare a molti una sciocchezza, dato che l’attività del runner viene spesso considerata banale e semplice; disciplina per la quale l’unica difficoltà consisterebbe solamente nella capacità di fiato, quindi di durata. In realtà non è così e lo sanno bene sia i principianti che i corridori più esperti; ecco quindi alcuni consigli pratici e importanti per iniziare a correre.

Da dove cominciare

Una premessa che è già un consiglio: non esagera, non ignorare i primi dolori della corsa e non pretendere tutto e subito dal proprio fisico. L’allenamento serve, appunto, ad allenare il corpo a svolgere una certa attività; non ultima quella della corsa. Una crescita graduale, con un inizio soft, è quello che ci vuole. Molto spesso l’aspetto più complicato è quello di iniziare; sono sempre tanti, troppi a dire il vero, coloro che rinunciano prima di iniziare, rinunciando al loro benessere e ad un’attività splendida sotto tanti punti di vista, non solo quello fisico, ma anche mentale e umorale.

Quanto, quando e dove

Quanto correre lo abbiamo visto, l’ideale sarebbe cominciare con almeno tre giorni a settimana, per un tempo costante, senza sforzare troppo e aumentare in maniera sempre progressiva. Per farlo è importante compilare e seguire una tabella progressiva per il runner che aiuti ad avere uno schema chiaro e definito su quali sono gli step e gli obiettivi prefissati.

Ogni attività sportiva ha bisogno della sua attrezzatura: ecco quindi i migliori accessori per il running tra i quali scegliere per vivere al meglio questo tipo di allenamento.

Dove? Beh in questo caso dipende dalle possibilità: se si ha modo di raggiungere un parco o uno spazio verde adatto è sicuramente preferibile rispetto al correre in mezzo al traffico o sui marciapiedi dove passa anche altra gente. Ma anche il tessuto urbano può rivelarsi interessante e le aree più periferiche possono offrire spazi adatti, senza dove ricorrere a giardini pubblici o spai riservati.

Da soli o in compagnia?

Per allenarsi a correre può essere utile ricorrere a qualche amico che ci possa supportare e guidare in questa attività; allo stesso tempo però correre in compagnia, specie in un gruppo, significa entrare a far parte di un insieme di persone che non è omogeneo, quindi ci sarà chi è più preparato e chi lo è meno, quindi o uno si adegua o l’altro deve sforzarsi. In entrambi i casi può non essere piacevole. Correre insieme a uno, massimo due persone può essere un ottimo inizio, anche dal punto di vista sociale e motivazionale, in più potrebbe essere un problema.

Un consiglio molto importante da seguire sempre, sia che si è degli atleti professionisti che dei principianti è quello di riconoscere l’importanza del riscaldamento. Senza di esso, oltre ad essere meno efficaci, si rischia di vanificare lo sforzo dell’allenamento e di incorrere in infortuni di vario tipo. Un aspetto da tenere sempre in considerazione per allenarsi a correre è proprio quello di riscaldarsi; avere una preparazione, in qualsiasi tipo di attività, è fondamentale, a maggior ragione nell’allenamento fisico.

Avatar for Daniele Di Geronimo

Scritto da Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

perdita di capelli

L’eccesso di sport tra le cause della perdita di capelli?

le ripetute

Le ripetute: quando, quante e come farle