in

Calcetto over 40: cosa c’è da sapere

Il calcio è uno dei principali interessi degli italiani; il calcetto ne è una delle applicazioni reali più affascinanti, divertenti e seguite. Il calcetto è uno sport praticato in maniera amatoriale da tantissime persone di diversa fascia d’età (ragazzi, giovani e adulti) dove il più delle volte o vige l’esasperato agonismo o dove si gioca ignorando anche gli elementi base dell’allenamento e della forma atletica.

Il giocatore occasionale vs il professionista mancato

Chiunque abbia calcato più di una volta un campo in erba sintetica sa che si troverà davanti un panorama di atteggiamenti sportivi diversissimi: dal professionista mancato, ovvero colui che esaspera la partita di calcetto tra amici vivendola con un agonismo decisamente esagerato (con rischi per lui e per gli altri giocatori) al giocatore occasionale, magari chiamato all’ultimo solamente per ‘arrivare a 10’ e che sa a malapena come si sta in campo. In tutti questi casi bisogna fare alcune considerazioni.

I rischi

Nonostante il calcetto over 40 sia ampiamente praticato e con grande soddisfazione dei praticanti, è bene sempre prestare maggiore attenzione a tutti quei fenomeni fisici che si verificano con una maggiore incidenza, come i dolori post allenamento, soprattutto nei soggetti poco abituati a compiere attività fisiche intense. Quando si parla di calcetto bisogna distinguere tra la disciplina professionistica del calcio a 5, svolta da atleti veri e propri, e il calcetto tra amici svolto il più delle volte da persone che durante la settimana fanno altro nella vita e l’unico allenamento è il calcetto stesso.

Il calcetto over 40 pone dei rischi legati principalmente alle lesioni muscolari e alle distorsioni delle ginocchia e delle caviglie. Trattandosi di uno sport di contatto è più alta la possibilità che si verifichino questo tipo di infortuni. Questi sono più frequenti in chi ha superato i quarant’anni. Il consiglio in questo caso è quello di prepararsi con allenamenti volti a migliorare la forza, la resistenza e una certa flessibilità muscolare e articolare, dove aiuta moltissimo lo stretching prima della partita.

Il calcetto over 40 è un tipo di sport e di allenamento molto divertente e piacevole, anche dal punto di vista sociale, ma è bene dedicarsi alla propria forma fisica (o sfruttare questa passione per farlo) soprattutto se è un’attività che si svolge con una certa regolarità. Bisogna però evitare l’effetto contrario cadendo nella sindrome del sovrallenamento.

I vantaggi

Analizzati quelli che sono i rischi legati al calcetto over 40 vediamo anche quali sono i vantaggi. Numerosi studi, alcuni commissionati nientemeno che dalla FIFA, hanno portato ad un’esposizione di quelli che sono i benefici fisici di chi gioca a calcio. I risultati hanno mostrato come i vantaggi siano legati alla prevenzione delle malattie legate al passare dell’età, all’incentivazione ad avere uno stile di vita sano, oltre che benefici sulle ossa, nella cura dell’ipertensione, miglioramento della postura, ottimizzazione funzioni cardiovascolari e potenziamento della salute di muscoli e ossa.

La particolarità e forse la sorpresa di questi studi è che tali benefici riguardano trasversalmente persone anche con grandi differenze anagrafiche, sentenziando quindi che il calcetto over 40 fa bene, se affrontato con la giusta attenzione, ed è un’ottima opportunità per occuparsi del proprio benessere.

Avatar for Daniele Di Geronimo

Scritto da Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Salute e benessere

Salute e benessere, come e perché conviene occuparsene

Digestione

Digestione: cosa sapere e come intervenire