in

Alimentazione e ciclismo: consigli utili da seguire

Alimentazione ciclismo

Il ciclismo è un’attività fisica che può essere praticata da tutti, anche se non tutti riescono sempre a trarne i giusti e completi benefici. Parliamo infatti di una disciplina che richiede uno sforzo fisico costante e ripetuto e che anche per questo motivo può rappresentare un prezioso allenamento da seguire per il proprio benessere e miglioramento della forma fisica. Come tutti gli allenamenti anche quello per il ciclismo richiede di seguire un’alimentazione corretta ed equilibrata.

Sport e alimentazione nel ciclismo

Seguire un’alimentazione sana non è una raccomandazione della nonna (come quella di mettere la canottiera o di stare attenti quando si esce la sera), ma probabilmente uno degli aspetti più sottovalutati della quotidianità. Viviamo in un’epoca che ci mette a disposizione una grande scelta e allo stesso tempo una grande fornitura di alimenti. Se a questo aggiungiamo anche le enormi possibilità di conoscenza e approfondimento delle tematiche alimentari e il diffondersi delle figure professionali dedicate (i nutrizionisti) è piuttosto paradossale che è sempre elevato il numero di coloro che mangiano male. O, meglio, non si preoccupano di ciò che mangiano.

Questo diventa ancora più grave per coloro che praticano sport. La gravità è data dallo spreco di risorse (l’allenamento senza l’attenzione all’alimentazione rischia di essere meno produttivo di quanto potrebbe) e dai pericoli per la propria salute.

Lo sport, l’allenamento e il ciclismo non sono indipendenti dall’alimentazione anche perché non sono fini a sé stessi. Ci si allena per divertimento e benessere e in entrambi i casi ciò che mangiamo influisce in maniera diretta. È quindi necessario affrontare con serietà e completezza la questione dell’alimentazione per chi va in bicicletta, andando a chiarire alcuni elementi fondamentali.

Alimentazione e ciclismo: cosa mangiare prima e dopo l’allenamento

Più che una lista di cose da mangiare e cose da evitare, è importante spiegare gli elementi che compongono la definizione di un piano alimentare. Tra gli errori da evitare c’è quello di seguire una dieta o un determinato tipo di alimentazione senza capirne le ragioni che sono alla base di queste scelte. Anche perché, aspetto che non va mai sottovalutato, ogni persona – quindi ogni atleta – ha una storia fisica, personale e alimentare diversa che può prevedere particolarità ed eccezioni. Conoscere i principi permette anche di essere autonomi e gestire al meglio ogni situazione.

Prima di andare in bici

Per “prima” non bisogna intendere tanto i pochi minuti che separano dal salire sul sellino della propria bicicletta, quando i giorni che precedono l’allenamento. Questo perché il consiglio è quello di distribuire i consigli alimentari su tutta la settimana in modo da avere un quadro generale e complessivo serio. Concentrarsi solo sulla singola giornata, per quanto importante, rischia di vanificare tutto quello che c’è prima e dopo; ovvero il periodo nel quale l’organismo deve essere preparato ad affrontare un determinato sforzo fisico.

Prima di andare in bicicletta, quindi, un’alimentazione corretta è quella che prevede l’assunzione di molti carboidrati, soprattutto quelli complessi.

Durante la pedalata

Spesso si pensa che l’alimentazione per il ciclismo (ma anche per altri sport) sia limitata al prima e al dopo. Eppure in molti sport, e il ciclismo è uno di questi, permette di rifocillarsi anche durante l’allenamento. Il consiglio è quello di introdurre nell’organismo dei carboidrati semplici (come merende e barrette energetiche). Durante l’attività fisica è fondamentale non dimenticare l’importanza dell’idratazione costante. Bere tanto (acqua o bevande energetiche) è imprescindibile per ottimizzare lo sforzo e prevenire fastidiosi problemi.

Dopo l’uscita in bicicletta

Subito dopo il termine dell’allenamento (indicativamente nella mezz’ora successiva) è utile seguire un’alimentazione fatta di carboidrati e proteine. È un momento importante per reintegrare quanto speso nella fatica dell’allenamento. Dal giorno successivo, seguendo sempre il suggerimento di pianificare i pasti dei giorni successivi che saranno anche quelli precedenti il prossimo allenamento.

Carboidrati, grassi e proteine

Quando parliamo di carboidrati per l’alimentazione nel ciclismo dobbiamo distinguere tra quelli semplici e quelli complessi. I primi consentono di ottenere immediatamente dell’energia, mentre quelli complessi vengono assorbiti dall’organismo con processi metabolici più lunghi e mettono a disposizione energie più a lungo periodo. Tra i principali carboidrati ricordiamo il pane, la pasta e il riso.

I grassi (come i latticini), specie quelli insaturi, svolgono il prezioso compito di assorbire le vitamine. Allo stesso tempo si occupano di fornire un’energia duratura nel tempo.

Infine le proteine (uova, carne, pesce, eccetera) sono importantissime nei giorni successivi l’allenamento perché sono quelle che si occupano di ricostruire i tessuti e i muscoli danneggiati.

Daniele Di Geronimo

Scritto da Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
Andare in bicicletta

Andare in bicicletta: come imparare (e insegnare) a farlo

Rischi ciclismo

Rischi ciclismo: a cosa fare attenzione