in

Corsa in inverno: consigli utili per non sbagliare

Corsa in inverno

Correre fa bene ed è una delle attività fisiche più diffuse, amate e praticabili, senza bisogno di attrezzature specifiche. Cosa fare quando il termometro registra temperature vicine allo 0 (o addirittura inferiori)? La corsa è un’attività fisica che si può fare d’inverno all’aria aperta o è rischiosa? Scopriamo tutto quello che c’è da sapere per correre anche d’inverno in totale sicurezza.

Correre in inverno: si può?

Partiamo da una conferma: sì, si può correre anche d’inverno. Nonostante il freddo e le criticità climatiche di questo periodo dell’anno possano creare dei problemi, con la giusta attenzione e programmazione la corsa è un’attività fisica che si può praticare in qualsiasi momento dell’anno. Anzi, uno dei luoghi comuni e degli errori più diffusi sulla corsa è proprio quello di pensare che non vi sia bisogno di preparazione e organizzazione e che si possa praticare senza troppi pensieri. Nonostante sia accessibile a chiunque e non richieda attrezzature specifiche, la corsa è un tipo di allenamento delicato, la cui sottovalutazione può provocare una serie di dolori tipici e problemi, che spesso vengono sminuiti o addirittura ignorati.

Correre d’inverno: le 5 regole per un allenamento efficace e sicuro

#1 Il riscaldamento

Prepararsi all’allenamento, a qualsiasi tipo di allenamento, è parte integrante di qualsiasi attività. Non ci si improvvisa atleti e anche quelli più navigati sanno che il proprio corpo ha bisogno di essere attivato per le sollecitazioni che dovrà sopportare durante l’esercizio fisico. Questa preparazione vale anche e soprattutto per la corsa, dove non bisogna mai dimenticare di svolgere esercizi di riscaldamento adeguati. La corsa in inverno è ancora più pericolosa senza il corretto riscaldamento, in quanto si è più esposti agli infortuni muscolari. È utile svolgere qualche esercizio già da casa per poi uscire e, già riscaldati, affrontare il freddo invernale con minore difficoltà.

#2 La sicurezza

La corsa durante l’inverno è per alcuni aspetti più pericolosa che negli altri periodi dell’anno o comunque ci sono delle criticità peculiari a questa stagione. Non solo il freddo, ma anche la visibilità e la stabilità. Durante l’inverno, infatti, le giornate durano meno e spesso manca la luce del sole. Specie per chi corre per strada (e non in un parco o nelle aree dedicate) è necessario adottare sistemi per migliorare la propria visibilità. Luci, giacche riflettenti e accessori di questo tipo sono indispensabili per ridurre i rischi d’incidenti. Bisogna poi prestare attenzione alle superfici sulle quali si corre. In inverno è frequente imbattersi in lastre di ghiaccio sulle quali scivolare rovinosamente e farsi male. Oltre a preparare con cura il percorso da fare (evitando quindi strade isolate o soggette a essere ricoperte di neve o ghiaccio), meglio munirsi di scarpe da trial che hanno una suola più efficace rispetto alle classiche scarpe da ginnastica.

Corsa notturna in inverno: si può?

C’è chi ama correre di notte. O perché è l’unico momento della giornata libero o perché preferisce l’assenza di traffico e movimento, sono in molti a preferire le ore buie per correre. Durante l’inverno è importante prestare la massima attenzione alla propria visibilità e alle strade su cui si andrà a correre, essendo le temperature ancora più basse e il rischio di parti gelate è più alto.

#3 La respirazione

Un aspetto importante da curare durante la corsa in inverno è quello della respirazione. Questa è sempre importante in qualsiasi attività sportiva, ma con le temperature invernali ci sono rischi maggiori per la propria salute. L’aria esterna è più fredda (in questo caso gelida) rispetto a quella interna e per ridurre il fastidio è consigliato respirare con il naso e non con la bocca. In questo modo l’aria inspirata viene riscaldata prima di essere immessa nel corpo e allo stesso tempo filtrata. La respirazione con il naso è preziosa anche per ridurre il rischio di infiammazioni dell’apparato respiratorio, tipiche in questo periodo dell’anno.

#4 Alimentazione e idratazione

Mangiare e bere sono aspetti fondamentali per la riuscita di un buon allenamento e per mantenere il corpo capace di rispondere alle criticità climatiche. Durante la corsa in inverno è importantissimo, nonostante la sensazione di sete sia molto bassa, bere. Con il sudore della corsa l’organismo perde dei liquidi che devono essere reintegrati. Per questo è utile dotarsi di una borraccia termica da portare sempre con sé.

5# L’abbigliamento adeguato

Per ultimo, ma non meno importante degli altri (anche se spesso viene considerato come l’unico aspetto da considerare) bisogna organizzare il proprio abbigliamento. Anche qui è fondamentale l’organizzazione, seguendo una serie di consigli pratici che consentono di correre tranquillamente anche quando fuori la temperatura è di 0°.

Vestirsi a strati

Correndo la percezione del calore aumenta e anche il freddo più rigido sembra meno fastidioso. È utile vestirsi a strati, indossando capi termici a contatto con la pelle e sopra, come secondo strato, capi traspiranti e poi, come strato più esterno, vestiti antivento. Il consiglio è quello di non aggiungere troppi strati e di non mettere due volte lo stesso tipo di indumento, in quanto si rischia di ridurre la mobilità o di creare problemi nella respirazione della pelle.

Indumenti intimi

L’abbigliamento intimo è irrinunciabile, ma in inverno va scelto con cura. Vanno evitati assolutamente gli indumenti in cotone che, con il sudore, non si asciugano e mantengono il corpo bagnato e aumentano la sensazione di freddo. Esistono molti capi realizzati con fibre tecniche specifiche perfette per mantenere il corpo al caldo e assicurare sempre un’ottima agilità durante i movimenti della corsa.

Le estremità del corpo

Testa, mani e piedi sono le parti più sensibili e più esposte al freddo e come tali vanno protette in maniera specifica. Guanti, calze e cappelli, ma anche un pratico scaldacollo, sono capi d’abbigliamento fondamentali per la corsa in inverno.

Accessori per la corsa in inverno

Daniele Di Geronimo

Scritto da Daniele Di Geronimo

Sono nato nel maggio del 1986 in provincia di Roma. Laureato in Lettere, amante della lettura, della scrittura e di tutto ciò che la lettura e la scrittura possono significare nel mondo del web. Sono attivo sui maggiori social network.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spuntini dietetici

Spuntini dietetici: quanti farne e come farli

Colazione vegana

Colazione vegana: le migliori ricette per iniziare la giornata