in

Kranking: cos’è e perché farlo

Sarà capitato anche a voi di vedere persone che utilizzano la bicicletta “pedalando” (le virgolette sono d’obbligo) con le mani. Dopo qualche istante di sorpresa (effettivamente è qualcosa di diverso da solito) se vi siete chiesti le ragioni di questa scelta e cosa c’è da sapere su questo strumento, la risposta è una parola sola: kranking. Sì, questo è il nome di questa disciplina e questa particolare versione di bicicletta. Scopriamo dove nasce e quali sono le caratteristiche e i benefici di un allenamento di kranking.

Un’idea del padre dello Spinning

L’ideatore del krankling e della krankcycle (la bicicletta per il kranking) è stato Johnny Goldberg, colui che ha inventato lo spinning, ovvero quella disciplina di allenamento che replica in palestra quelli che sono i meccanismi e i benefici della bicicletta da strada. Il nome deriva dall’espressione inglese “to crank” che è legata al movimento di piegamento del gomito. La krankcycle, la bicicletta per le braccia, è caratterizzata da:

  • forcelle libere;
  • manopole indipendenti;
  • sellino ergonomico e smontabile.

Tutte queste caratteristiche tecniche rendono la krankcycle una sorta di cyclette per le braccia, con notevoli ed evidenti vantaggi di potenziamento e sviluppo degli arti superiori, ma anche la straordinaria opportunità di essere utilizzata dalle persone che hanno determinate disabilità fisiche. A tal proposito la nascita di questa nuova disciplina si deve sì a Johnny Goldberg, ma soprattutto al suo incontro con un ciclista disabile. Quest’uomo aveva a disposizione una bicicletta sviluppata proprio per coloro che avevano perso le gambe e, studiandola attentamente, Goldberg decise di creare uno strumento ad hoc per ottimizzare la sinergia tra i movimenti dei fasci muscolari e quelli delle braccia. Tale realtà, oltre a essere accessibile alle persone disabili, oltre a migliorare lo sviluppo muscolare delle braccia, è preziosa per migliorare tutti quei problemi di postura molto frequenti in chi ha uno stile di vita sedentario.

L’allenamento di kranking

Solitamente un allenamento completo di kranking ha una durata di un’ora e mezza ed è preceduto da almeno una decina di minuti di esercizi di riscaldamento per poi terminare con una fase di stretching finale. Il lavoro specifico vero e proprio può variare n intensità e ritmo, con i movimenti delle braccia che possono essere sia simultanei che alternati. Il consumo calorico di una seduta di allenamento di kranking è di circa 15 calorie al minuto.

I benefici

Ma quali sono propriamente i benefici di questo tipo di attività? Oltre a tutti quelli che abbiamo appena visto, va sottolineato come il kranking contribuisca in maniera significativa ad un rafforzamento del busto, ad aumentare la propria capacità aerobica, a bruciare tantissime calorie e, ancora, a migliorare la propria stabilità. Dal punto di vista muscolare il krankling ha ottimi benefici sia dal punto di vista tonificante che da quello cardiovascolare e permette di raggiungere una forma estetica più snella e armonica. Un altro beneficio da non sottovalutare è che questo è un tipo di allenamento che stimola il metabolismo.

Idealmente il kranking è rivolto a tutti, non ci sono particolari controindicazioni, se non quelle legate ad una grande attività cardio-circolatoria, per cui è preferibile evitare per coloro che hanno problemi di natura cardiaca. Allo stesso tempo è molto importante, soprattutto durante le prime sedute di allenamento, prestare la massima attenzione ai tendini e alle articolazioni delle ginocchia, che possono essere soggette a strappi, infiammazioni e crampi.

Praticare il kranking, in conclusione, è una scelta positiva per l’organismo e per il proprio aspetto fisico, ma lo è anche per il proprio umore e la propria motivazione, essendo un’attività nuova e particolarmente stimolante. Il kranking è un allenamento che si può praticare sia singolarmente che in gruppo, permettendo quindi di non annoiarsi e di trovare sempre nuovi stimoli per allenarsi.

 

Immagine in evidenza: thanks to www.getfitwithkate.com

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comments

0 comments

Proteggere il corpo dal freddo

Freddo e pioggia, come proteggere il corpo

Capi d'abbigliamento sport invernali

I capi d’abbigliamento per gli sport invernali